• REGISTRAZIONE CONTRATTI – CEDOLARE SECCA
    Creato il 21 gennaio 2016 alle 12:36

    La “cedolare secca” è un regime facoltativo, che si sostanzia nel pagamento di un’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell’immobile). In più, per i contratti sotto cedolare secca non andranno pagate l’imposta di registro e l’imposta di bollo, ordinariamente dovute per registrazioni, risoluzioni e proroghe dei contratti di locazione. La cedolare secca non sostituisce l’imposta di registro per la cessione del contratto di locazione.
    La scelta per la cedolare secca implica la rinuncia alla facoltà di chiedere, per tutta la durata dell’opzione, l’aggiornamento del canone di locazione, anche se è previsto nel contratto, inclusa la variazione accertata dall’Istat dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati dell’anno precedente.

    Leggi tutto
  • RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE - DETRAZIONI FISCALI
    Creato il 20 gennaio 2016 alle 10:19

    Con la legge di stabilità 2016 (legge n. 208 del 28 dicembre 2015) sono state prorogate fino al 31 dicembre 2016 sia la detrazione fiscale del 65% per gli interventi di efficientamento energetico e di adeguamento antisismico degli edifici, sia la detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie. E’ prorogato fino al 31 dicembre 2016 anche il Bonus Mobili, cioè la detrazione del 50% su una spesa massima di 10mila euro per l'acquisto di mobili.

    Chi sostiene spese per i lavori di ristrutturazione edilizia può fruire della detrazione d’imposta Irpef pari al 36%. Per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2016, la detrazione Irpef sale al 50%.
    Una detrazione del 50% spetta anche sulle ulteriori spese sostenute, dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2016, per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, per le apparecchiature per le quali sia prevista l'etichetta energetica, finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione.
    La detrazione è, invece, pari al 65% delle spese effettuate, dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2016, per interventi di adozione di misure antisismiche su costruzioni adibite ad abitazione principale o ad attività produttive che si trovano in zone sismiche ad alta pericolosità.
    Per le prestazioni di servizi relative agli interventi di recupero edilizio, di manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzati sugli immobili a prevalente destinazione abitativa privata, si applica l’aliquota Iva agevolata del 10%.

    Leggi tutto
  • CONDOMINI MOROSI : COSA FARE!
    Creato il 28 agosto 2014 alle 16:04

    1. decreto di ingiunzione: se in un condominio ci sono dei morosi, l'amministratore ha l'obbligo di riscuotere i contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea entro sei mesi dalla chiusura dell'esercizio. per il recupero credito, l'amministratore può ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo
    2. inerzia dell'amministratore: se entro sei mesi l'amministraziore non chiede un decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo per il recupero dei crediti, rischia la revoca giudiziaria del suo incarico
    3. creditore del condominio: i condomini morosi sono i primi contro i quali si deve agire nel caso in cui un fornitore di servizi debba recuperare il proprio credito nei confronti del condominio
    4. trasparenza: l'amministratore di condominio è obbligato a comunicare ai creditori che lo richiedono i dati personali dei condomini morosi
    5. rischio pignoramento: il creditore può chiedere il pignoramento del conto corrente condominiale, ma solo per la parte relativa alle somme versate da condomini morosi, da dimostrarsi tramite la prova documentale fornita dal registro di contabilità condominiale
    6. tutela per chi è in regola con le rate: l'amministratore condominiale può contestare il pignoramento del conto corrente condominiale avanzato da un creditore se sul conto non ci sono versamenti del condomino moroso e, in ogni caso, per la parte delle somme che appartengono ai condomini virtuosi, in regola con le rate pagate

    Leggi tutto